DIGIUNO Esteso di 7 Giorni – Cosa Succede e Quanto Peso si Perde

Digiuno Esteso 7 giorni

È stato un esperimento interessante motivato dalla mia ricerca ormai quasi biennale sul digiuno intermittente applicato al viaggio.

Sono tornato in Italia per la mia consueta pausa estiva ho deciso di provare questa forma di digiuno esteso, studiato da molti ricercatori come una delle forme migliori di prevenzione del cancro oltre che ottimo strumento per perdere peso, migliorare il metabolismo degli acidi grassi, entrare in chetosi, promuovere l’autofagia cellulare ecc…

Bisogna considerare che tornado dal latino america ho dovuto affrontare anche un fuso orario diverso (Jet Lag) e una notevole stanchezza dopo tanti mesi di viaggio. Situazioni piuttosto intense e sicuramente diverse da chi ha uno stile di vita più stanziale e abitudinario.

Riferimenti e Informazioni Utilissime sul Digiuno.

The complete guide to intermittent fasting

Il podcast Fasting Talk con Jimmy Moore, Jason Fung e Megan Ramos. Il primo uno dei più famosi conduttori di podcast sul Low-Carb nutrition (Living la vida Low Carb) e gli ultimi due con 20 anni di clinica sulle spalle nel trattamento di diabete del secondo tipo e obesità.

Cosa ho usato per il Digiuno

  • tantissima acqua
  • tisane senza zucchero di Tè (preferibilmente Verde o nero per via della capacità di sopprimere l’appetito)
  • caffè
  • olio di cocco/burro: pochissimi cucchiaini, meglio non più di due al giorno, da sciogliere in caffè o tè.
  • brodo d’osso
  • integratore di magnesio (in caso di leggerezza/offuscamento mentale)
  • sale di mare (oppure sale normale)

Primi 3 giorni

Sopportabili, a detta di alcuni sono i più duri in quanto la fame che arriva a ondate durante la giornata si sente ancora forte.

Ho bevuto abbondantemente durante tutto il giorno, a pranzo e cena ho preso una tazza da te di brodo d’osso.

Nel terzo giorno ho avuto prendere l’integratore di magnesio e un bicchiere d’acqua con mezzo cucchiaino di sale per rallentare la disidratazione e tenere dentro più acqua (previene/cura il mal di testa per esempio).

La notte del terzo giorno è stata piuttosto stressante, ho avuto i primi sogni di cibarie e abbuffate.

Il peso è andato progressivamente decrescendo, partendo da 71.6 sono sceso a 70.

Quarto giorno

Nonostante si dica nei podcast e nei libri che i primi 2/3 giorni sono i più difficili per via dello stimolo della fame ho riscontrato in me la prima eccezione che conferma la regola: ho avuto fame anche il quarto giorno. Non mi sembra di aver avvertito nessun calo nelle ondate di appetito. Comunque sono rimaste gestibili considerando che ho iniziato digiuni intermittenti più brevi già da quasi due anni.

Ho continuato il mio lavoro e le mie attività senza problemi.

Ho messo nel caffè un cucchiaino di burro la mattina e uno di olio di cocco nel pomeriggio.

Quinto giorno

Ancora fame, ancora perdita di peso. Sono sceso sotto i 70Kg che non succedeva da almeno 10 o 11 anni!

Le ondate di appetito non mi sembrano calate né ridotte, sono comunque gestibili con acqua, bevande e brodo. La notte sogno di mangiare ma questa volta dopo l’abbuffata “onirica” provo anche il senso di colpa di aver rovinato il “lavoro” fatto fin qui per raggiungere il mio traguardo di 7 giorni.

Batto il mio record precedente di 4 giorni e mezzo fatto due mesi fa in Argentina in cui ero senza brodo, tisane e senza un’amorevole mamma disponibile in cucina.

L’umore dell’ultimo esperimento non era il massimo: ero una vipera, nervoso (aumenta la produzione di noradrenalina) e irascibile (semplice reazione personale allo stress, molto soggettiva). Ora invece mi sento bene, con un fastidioso senso di vuoto ma nessuna alterazione nell’umore.

La notte è dura.

Sesto giorno

L’energia continua ad esserci, lavoro e anche se sono svogliato provo a fare trazioni e flessioni notando che non ho nessuna riduzione di prestazioni rispetto al mio solito. Il metabolismo dei grassi continua imperterrito, scendo a 68 kg!!

Lo stress si sente anche se sospetto che una buona parte sia dovuto al Jet Lag dopo il rientro da 8 mesi di viaggio.

A mezzogiorno ho il primo cedimento e mangio 10 olive con un po’ di olio d’oliva.

Pazienza, il motto è “Progression, not Perfection” . La sera altre 6 o 7 olive con un pizzico d’olio.

La fame è sempre alle calcagna, mi raggiunge in vari momenti durante la giornata, il senso di vuotezza allo stomaco invece perdura ma è sopportabile. Mi guardo allo specchio e vedo una silhouette che non avevo da 15 anni, incredibile.

Ultimo giorno

Non arrivo al traguardo in condizioni migliori o peggiori degli ultimi tre giorni, la fatica (tipicamente il senso di vuoto) sono le stesse. Mi lascio andare ancora con un pranzo e cena a base di poche olive (meno di 10) e un cucchiaio di olio d’oliva. La mattina dopo il settimo giorno, prima di rompere il digiuno, mi peso e sono 67 Kg. 5 Kg in meno (Una buona parte viene ripresa nel giro di uno/due giorni però, il che è normale).

Non ho superato mai lo scoglio delle ondate di fame che nell’esperienza di molti cessano dopo 2 o 3 giorni lasciando un senso di energia e addirittura euforia! Non è il mio caso, non questa volta almeno.

Sono uscito per due sere, nella prima ero circondato dagli hamburger degli amici e nella seconda dalle loro birre, non ho ceduto alle tentazioni accontentandomi solo di una paio di lattine di coca zero e molti più sguardi di compassione.

Nota Bene

Ho condotto questo esperimento dopo essere tornato da 10 mesi di viaggio. Questo significa che le mie condizioni di “base” sono state molto stressate dal cambio di fuso e dalla immane stanchezza che porto a casa dopo tanta strada. Devo riprovare l’esperimento in condizioni più stabili.

Considerazioni importanti

  • Ho perso 5 Kg, ripresi 2 in due giorni. Non sorprende, buona parte è solo reidratazione.
  • Quello che ho mangiato dopo 7 giorni non è stata una montagna di cibo ma una dose modesta (effetto di rieducazione dell’appetito)
  • Non ho avuto dopo i primi 3 giorni quella facilità che speravo d’incontrare nella gestione della fame e del senso di vuoto.
  • Non ho avuto cali di “energia” ma la disidratazione (non mangi, quindi non introduci sodio che trattiene l’acqua e quindi ti disidrati) mi ha fatto perdere, prevedibilmente, elettroliti (tipicamente sodio potassio magnesio) che danno un senso di “offuscamento” mentale che ho contenuto assumendo integratori.
  • Sebbene abbia assunto grassi (olio di cocco, olio d’oliva, burro) non ho mai assunto carboidrati che avrebbero attivato la produzione d’insulina interrompendo lo stato di digiuno.
  • La COSA più IMPORTANTE è stata, come dicono gli esperti, allenare il muscolo del digiuno. In effetti negli anni ho osservato miglioramenti, dapprima credevo di morire dopo solo 24 ore senza cibo a ora che ho fatto una settimana intera!. L’idea è familiarizzarmi e abituarmi periodicamente a tenere con maggior facilità 2 giorni di digiuno.

I Benefici, indiscussi, del digiuno intermittente li trovi QUI

Invece i FALSI MITI come il corpo che mangia muscoli ecc li trovi QUI

By | 2017-07-07T23:25:48+00:00 luglio 5th, 2017|Corpo|

2 Comments

  1. Valerio 6 luglio 2017 at 09:39 - Reply

    Ciao Claudio, sempre interessanti i tuoi post sull’alimentazione! Domanda: per un neofita che (per ora) non ne capisce molto di alimentazione, se ti chiedessi di consigliare un libro che copra le basi (es. partendo da cosa sono i grassi, proteine, etc..) fino a spiegare di cosa il corpo umano ha bisogno per funzionare, quale sarebbe? Non cerco libri su diete o cose particolari, solo una qualcosa che mi spieghi i principi dell’alimentazione di base, in un libro solo. Preferisco una cosa strutturata come un libro che tanti podcast che magari poi divagano. Grazie!

    • Claudio 7 luglio 2017 at 18:41 - Reply

      Caro Valerio! Ti consiglierei The Wild Diet di Abel James. Credo che incrocia molto bene le varie filosofie Paleo-Keto-Low Carb-Primal etc.. e senza eccessi, senza religioni, senza partiti presi, senza robe impossibili chiarifica bene macro nutrienti e micronutrienti di cui abbiamo bisogno… accenna un po’ sul digiuno, consiglia di mangiare tanta roba buona e di prima qualità…
      È un’altra buona spina nel fianco delle compagnie multimilionarie che vendono merda a base di cereali raffinati e zucchero.
      Spero possa piacerti :-)

Lascia un Commento e Genera Sapere!

DIGIUNO Esteso di 7 Giorni - Cosa Succede e Quanto Peso si Perde

 
OR
SALI A BORDO! - la newsletter

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi