IL toporso, il pupazzo che viaggia per il mondo

Questo viaggio fa schizzare bellezza da tutte le parti, non si riesce a contenerla.. fai una foto ma non puoi immortalare un movimento, fai un video ma non puoi registrare i pensieri, scrivi ma mancano i corpi che vibrano come giunchi nel vento della passione.

Come facciamo?? Viaggiamo… viaggiamo.. vorrei saper suonare uno strumento, vorrei usare le note come acchiappafarfalle.

Visto che so suonare solo clacson e citofoni ho deciso di danzare, anche quello non lo so fare ma almeno posso fingere con una musica sotto e il toporso come “dama” per i miei folli valzer in giro per il mondo.

Esatto, danzo con il pupazzo.

Cerco di far emergere un poco di follia prima che questa aumenti come in un pentola a pressione e faccia saltar per aria tutto, o prenda una via di fuga diversa, magari verso l’instabilità mentale.

Sono riuscito addirittura a scrivermi la musica da solo unendo tamburi africani e con strimpellate greche, grazie ovviamente a Garage Band ho mescolato il tutto stando a tempo e senza stonature.

Il Toporso rimane sempre quel simbolo di eterna adolescenza al quale tengo molto, anche se occupa spazi che potrebbero essere dedicati ad altro, a qualcosa di più materialmente utile, ho deciso di non sacrificarlo alle ristrettezze fisiche del viaggiare. Mi segue e mi ricorda lo stile con il quale sto facendo questo.

Mi ricorda l’esigenza di essere un po’ bambino e di non scordarmi che questo viaggio è un cammino di vita prima che di chilometri, di spazi mentali prima che geografici, di interessanti deviazioni prima che di mete programmate. E in effetti le cose stanno andando proprio come dice lui, alla fine cosa cazzo c’entra ballare con un pupazzo quando dovresti dare Strada e viaggiare?

Non lo so oppure l’ho già detto,

in ogni caso per ogni reclamo rivolgetevi a lui :-)

Questo è Toporso Dance. Buona visione e buona condivisione!

Toporso dance 2 from Claudio Giovenzana on Vimeo.

Articoli Simili