E SE LO STRESS NON FOSSE UN NEMICO ?

lo stress ti rende socievole

ABBIAMO SBAGLIATO TUTTO

sad stressPer anni gli psicologi hanno trasformato lo stress in un nemico.
Per anni noi psicologi insieme a tutti gli altri operatori sanitari vi abbiamo assillato con la visione dello Stress come “una erbaccia da estirpare” dalla mente e dal corpo. Abbiamo sbagliato.

DA DOVE NASCE IL TERMINE “STRESS”

Il termine “stress” di derivazione ingegneristica prima di connotarsi negativamente era semplicemente usato per indicare l’applicazione di una forza su una struttura o un metallo. Trasposto nel campo della salute il concetto di stress è stato definito come la reazione di allarme del corpo di fronte a certe situazioni (da Walter Cannon) mentre per Darwin era la componente corporea dei processi emotivi sia nell’uomo che nell’animale.
Nel senso comune ed anche nella medicina preventiva lo stress è visto come una minaccia per la nostra persona, sia a livello biologico che psicologico.

Ovvero abbiamo visto lo stress come un nemico, senza mezze interpretazioni.
Oggi abbiamo le prove che NON è così.

Dopo varie navigate bulimiche in rete e un bellissimo video sul TED che vi condivido più in basso vedo come
Alcune ricerche stanno letteralmente capovolgendo questa percezione dello Stress mettendo in luce dati straordinari.
Hanno condotto uno studio su 30.000 adulti negli Stati Uniti per ben 8 anni.
Hanno intervistato i partecipanti per vedere chi dichiarava di vivere in una condizione di stress, hanno poi chiesto se percepivano questo stress come una condizione capace di danneggiare la salute oppure no.

RISULTATI STRABILIANTI

Chi ha sperimentato alti livelli di stress ha il 43% in più di probabilità di morire.
Questo dato sembra rimettere in luce la solita visione di stress come minaccia per la salute.
Ma attenzione!
Questo è vero solamente per coloro che vedono lo stress come potenzialmente pericoloso per la loro salute.
Per gli altri non c’è stato nessun rischio per la salute…
In altre parole quelli che vivono stressati MA percepiscono lo stress NON come un pericolo per la salute hanno il rischio più basso di morire anche rispetto a quelli che hanno dichiarato di non vivere stressati.

Quindi lo “stress” è cattivo per la salute?
No. È il modo in cui lo percepisci che determina una risposta nel corpo che a lungo andare può creare problemi alla salute o non crearne affatto.

COME VEDI LO STRESS DETERMINA GLI EFFETTI CHE AVRÀ SUL CORPO

In un’altro studio, condotto ad Harvard, hanno sottoposto a una condizione di stress sociale due gruppi di persone.
Un gruppo è stato istruito su come interpretare la condizione di stress provocata dall’esperimento.
Normalmente in condizioni stress il cuore batte forte e le vene si restringono, questo è associato spesso all’insorgenza di problemi cardiaci.
Le persone leggono queste alterazioni del corpo come ansia disagio rabbia paura ma i soggetti di uno dei due gruppi sono stati istruiti per interpretare le risposte allo stress del corpo in modo totalmente diverso.
Gli hanno detto:
“quando percepisci il tuo cuore che batte più forte significa che si sta preparando all’azione!” e poi “Se la tua respirazione aumenta è il tuo corpo che sta incamerando nel sistema più ossigeno per funzionare meglio”

COME IL CORPO REAGISCE A QUELLO CHE PENSIAMO DELLO STRESS

Il gruppo che è stato istruito in questo modo ha affermato di sentirsi molto più tranquillo rispetto al gruppo normale o di “controllo”, ma la cosa eccezionale è che le arterie dei partecipanti che interpretavano lo stato di stress in questo nuovo modo NON si sono ristrette, il diametro delle loro vene era quello di persone normali e in salute.

Quando vedi lo stress nella forma di:

“Questo è il mio corpo che si prepara per aiutarmi ad affrontare la sfida”
eviti gli effetti negativi per la salute che normalmente sono associati a questa condizione.

Sopratutto eviti quell’escalation (tipica di chi soffre di attacchi di panico) in cui le reazioni del corpo allo stress vengono percepite con ansia generandone di nuove e più forti in una spirale in cui non c’è più speranza di gestire lo stress in modo intelligente o tenerlo sotto controllo.

LO STRESS TI RENDE SOCIEVOLE

L’ossitocina è un ormone che viene spesso chiamato “l’ormone delle coccole” proprio perché viene rilasciato quando si abbraccia qualcuno.

In realtà è anche un neurormone che stimola l’istinto sociale spingendo le persone in interazione le une con le altre, interazione come contatto fisico, instaurare dialogo o cercare di aiutare.

Quello che molti non sanno è che è anche un ormone dello stress!
Più c’è adrenalina che fa aumentare la pulsazione cardiaca in situazioni di stress e più la ghiandola pituitaria produce ossitocina. Tra l’altro il cuore ha recettori per l’ossitocina che attivano processi di rigenerazione cellulare per riparare i danni causati da condizioni di stress forti e prolungate.
Questo è straordinario perché mentre il corpo reagisce alla condizione di stress aumentando per esempio le pulsazioni produce anche questo ormone che da un lato spinge le persone a cercare contatto e aiuto reciproco e dall’altro ripara i tessuti del cuore!
Ricordo per esempio quando durante gli esami universitari riuscivo a socializzare praticamente con chiunque, avevo un alto livello di stress e cercavo di instaurare dialogo pressoché con tutti quelli che mi stavano attorno.

Il corpo producendo questo ormone migliora la risposta allo stress, ci rende più resistenti e ci spinge verso gli altri.

LO STRESS E L’AIUTARE GLI ALTRI

In un’altro studio condotto con adulti dai 34 a 93 anni è stato chiesto:
-che livello di stress hanno sperimentato durante l’ultimo anno.
-quanto tempo hanno dedicato per aiutare amici e gente nella loro comunità.
Anche in questo caso per ogni maggiore evento stressante come difficolta finanziare, lutti etc.. si aumenta del 30% la probabilità di decesso.

Ma la cosa incredibile è che quelli che hanno speso tempo aiutando qualcuno non hanno assolutamente dimostrato nessuna percentuale di rischio aumentata.

AIUTARE AUMENTA LA RESISTENZA SOMATICA ALLO STRESS

livello alto stressSe scegliete di vedere la reazione allo stress come utile voi create quella che Kelly McGonigal chiama “la Biologia del Coraggio“.
Quando scegliete di connettervi agli altri anche in situazioni di stress voi create risorse biologiche per recuperarvi da questo e per affrontare queste situazioni.

Quindi invece di fuggire dalle situazioni di Stress conviene superarle avendo fiducia in se stessi e nelle proprie capacità di interpretare lo stress per neutralizzare i suoi effetti negativi.

Da varie ricerche si evince tra l’altro che evitare situazioni di non-confort fa molto meno bene alla salute che ricercare un senso in quello che facciamo.
Se ci dedichiamo a ciò che ha un senso profondo per noi, anche se questo implica stress, facciamo molto meglio alla nostra salute che dedicarci solo a evitare sofferenze e scomodità.

Kelly McGonigal sostiene quindi che la cosa migliore è andare in ricerca di ciò che da senso alla tua vita e avere fiducia nelle proprie capacita di gestire lo stress che ne consegue. E io sono daccordo!!

E TU?

(Photos by Unsplash)

[/fusion_text]
By |2017-07-07T19:48:05+00:00marzo 22nd, 2016|Generale|

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi