Il Sud dell’Ecuador, campi, valli, vulcani e contadini.

L’Ecuador sta finendo, ci siamo rifugiati tra le pieghe selvagge delle sue montagne, abbiamo esplorato lagune, intravisto contadini e cercato di avvicinare branchi di lama e alpaca. Abbiamo “zapateato” all’Inti Raymi, scambiato saluti sfrecciando sulle strade di fredde valli, ci siamo ubriacati con chi parla Quechua e abbiamo provato una buona nostalgia per chi è stato lasciato indietro con la millesima partenza.
La Cordillera sarà la nostra casa ancora per tante migliaia di chilometri. Preferisco l’aria sottile all’afa della costa, lo sguardo fuggevole delle genti che vivono più vicini al cielo, alle pendici dei vulcani, con i piedi e le mani nella terra gelata dove si strappano le patate.
La bellezza è tanta ma dopo 10 mesi di strada i nostri sensi sono stati riempiti così tanto che dobbiamo fermarci un paio di mesi, solo due purtroppo, e svuotare i serbatoi prima di riempirli di nuovo con il Perù, la Bolivia, il Cile e l’Argentina.
Le corde che mi tengono attaccato alla mia Italia sono solo gli affetti per chi conosco da una vita e per chi devo ancora conoscere, il resto del paese è una carcassa di ricordi, di economia fiacca, di scarse possibilità di crescita e un dubbio senso di appartenenza con il quale farò i conti a tempo debito.
Tornerò a casa per almeno un anno dopo la fine dell’America e vedrò cosa si prova a riabbracciare quella realtà che avevo senza rimorso lasciato dietro di me tanti anni fa.

Vi faccio salire brevemente su un’altra giostra di immagini e momenti dell’ultima settimana o poco più.

Olga sul volcano a Chimborrazo
Olga più vicina che mai al cielo, 5050 metri, il nostro record!

Festa indigena in Ecuador
Uno scatto “sobrio” nel marasma alcolico di una festa di matrimonio durata ben dodici ore in cui tutta la compostezza del villaggio è stata sciolta nell’alcool. (Ricordatevi che Freud diceva “il Super Io è solubile nell’alcool”)
Contadini nella Nariz del Diablo
Mentre il governo di ALAUSI crede di avere la settima meraviglia del mondo e fa pagare 30 dollari la corsa di due ore in treno nelle sue famose valli noi abbiamo seguito i binari a piedi sino a infilarci in un sentiero dove abbiamo visto la vita contadina della valle. Ci siamo avvicinati con prudenza e usando la macchina con grande discrezione. Questo sorriso ci seguirà per sempre.
Incontro con il popolo Quechua di Niza nella valle della Nari del Diablo, Ecuador
E sempre con tanta discrezione seguiamo gli asini e le contadine sino al loro villaggio dove Doña Maria Manuela e Maria Juana ci porgono una tazza di fermentato di Maiz (uno schifo inenarrabile) … a questa ne segue un’altra “più divertente” di fermentato di canna da zucchero che a occhio e croce, ed alito, giudico svetti sopra i 40 gradi di altezza alcolica. Finiamo ubriachi.Margherita guarda la sua foto sul nostro smartphone
Doña Margherita si aggiunge al comizio e dopo tre giri di tazza balla e si fa fotografare, questo è la sua memorabile contentezza nel vedersi, forse per la prima volta, digitalizzata nel nostro smartphone.
Olga le ha regalato il mio cappello (!!??) altrimenti avrebbe una bombetta bianca con nastro nero. Stampiamo le foto e il giorno dopo torniamo al villaggio per regalargliele.

Foto per i nostri sponsor Givi e Clover
Questa foto conclusiva l’abbiamo fatta per i nostri sponsor Givi e Clover. In un tempo in cui chi viaggia, scrive e fotografa per quasi dieci anni non vale più di un paio di discorsi esotici da bar loro hanno saputo riconoscere il nostro valore e la nostra dedizione che ci tiene in pista dal 2008.
Scanso un attimo l’umiltà e affermo che nel nostro paese quelli che hanno abbandonato tutto e trasformato in professione il viaggio si contano sulle dita di una mano probabilmente, pochi lo sanno riconoscere e apprezzare e tra questi ci sono i nostri sponsor con i quali scambiamo immagini e prodotti… e tutti portiamo a casa qualcosa senza pagare nulla.

Grazie Givi e Clover.

Tra poco avremo un altro grande sponsor ma non voglio ancora rivelare nulla.
Ve ne parlerò.

Grazie a voi che leggete.

Oggi i blog con i racconti di viaggio sono quasi morti, come anche le riviste (ne sapresti nominare almeno 3 che parlano solo di viaggi?), avere persone che visitano un po’ il tuo mondo è per me molto bello. Fa’ sentire che questo comunicare non è per nulla.

By |2016-12-17T15:44:49+00:00luglio 10th, 2016|Diario Personale di Viaggio|

3 Comments

  1. Mireya 10 luglio 2016 at 22:24 - Reply

    Claudio y Olga;

    No tienen idea de cómo agradezco que la vida los haya hecho pasar por Mazunte y haberlos conocido. Agradezco también sus imágenes, de las cuales disfruto a pesar de mi cobardía para abandonar todo y lanzarme yo misma a una aventura similar a la suya. Agradezco su sensibilidad para conectar con la gente, con pócimas o sin ellas, y obtener esas sonrisas francas. Solo lamento no poder auspiciar, aunque sean un poco, de ese andar suyo por el mundo.

    Un abrazo desde Mazunte.

    Mireya.

    • Claudio 25 luglio 2016 at 20:22 - Reply

      Hola Mireya, tu mensaje cuando lo recibimos nos ha llenado de felicidad, ha llegado en un momento pesado sobre todo fisicamente y de extremo movimiento. Que gusto haberte inspirato y que raro que sientas cobardía acerca de un viaje. No sabia que tenias adentro de ti este impulso a viajar, seguro que tu esposo lo entiende muy bien y que tu hijo también tiene la edad para aceptarlo. Falta solo arreglar el asunto con Conanp y darse cuenta que mas que lanzarse es solo meter un paso tras del otro sin voltearse por un poco de tiempo mas…y el viaje empezar a armarse. Estoy seguro que cuando habrá la coincidencia de condiciones adentro y afuera de ti sabras reconocerlo y hacer el primer paso. Benditos nosotros que te conocimos y que tenemos la suerte de tener a un amiga mas a Mexico a pesar de años sin vernos y chilometros de lejanía. Estos son los legales que quiero llenen mi vida. Un abrazo fuerte fuerte.

  2. fulvio setti 11 luglio 2016 at 10:31 - Reply

    BRAVI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Leggo sempre con piacere i Vs. aggiornamenti in merito al Vs. GRANDE viaggio, ora ti scrivo ANCHE per chiederti, quando e se potrete, di pubblicare nuovi libri in merito !!! Leggo nel tuo sito che ci sono novità anche in merito a COME pubblicare e spero sia tutto ok !!!!!
    Pura vida !!!!!

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi