Il Dominio della CocaCola in Latinoamerica

Mangiare per strada punk food e coca cola

In viaggio spesso mi ritrovo a mangiare in questi contesti, se le dosi di grasso animale che ingerisci sono alle stelle ci sono anche vantaggi sociali.. come avere persone e cani come compagni di tavolo.

La coca cola, che rimane sempre la più ricca società del mondo, è ovunque e nelle aree del terzo mondo dove alla povertà economica si associa anche quella mentale le viene permesso di comprare l’anima di ogni bottegaio. Come? La multinazionale regala, anzi, da in comodato d’uso un frigorifero e in cambio dipinge ogni parete del negozio che firma il diabolico contratto.

Cosí il negoziante, sottoscrivendo il patto faustiano, s’impegnerà a non comprare mai bibita estranea al gruppo CocaCola, e offrirà muri, clère e gazebo al rosso sangue del suo logo che sarà visibile su ogni superficie interna/esterna…ma in cambio potrà godere del suo cazzo di frigorifero risparmiando la bellezza di qualche centinaio di dollari.

In questo modo, tra gli altri più sporchi, la Cocacola ha comprato il pianeta e si è insediata in Latino America meglio della vegetazione autoctona. Tra l’alto la bibita viene usata anche nei riti sciamamici Maya… tanto vale prenderla come folklore locale.
La cosa peggiore è che quando sono qua me la bevo senza fare storie o boicottaggi, la coca zero sta diventato il mio sfogo con il sapore dolce.

Mi hai vinto maledetta. Ormai è inutile lamentarsi.

Ho scattato la foto nella strada di Valle Bravo, ho scoperto la grande utilità di una lente fissa da 40mm, leggera e che non da nell’occhio.. ha i suoi limiti come lunghezza focale ma ti permette una certa discrezione e portabilità. Alcuni dicono che la migliore macchina fotografica è quella che ti porti sempre appresso.
Nonostante la mia macchina fotografica Fullframe pesi come un mattone, con questa lente corta e leggera posso alleviare le pene e quando la tiro fuori non sembra che sto sguainando un fucile a pompa.

Dopo un’esame della scientifica, sembra che su questa bancarella il sistema immunitario di mio cugino Andrea (una delle più belle persone che vado a trovare in Italia e che questa volta è venuto lui a trovare me!) ha dato forfait lasciando la strada spianata a Moctezuma… che si è vendicato anche con lui.
Che i tuoi villi intestinali riposino in pace amico mio!

By | 2016-12-17T15:45:06+00:00 febbraio 9th, 2014|Diario Personale di Viaggio, Generale|

Lascia un Commento e Genera Sapere!

Il Dominio della CocaCola in Latinoamerica

OR
SALI A BORDO! - la newsletter