Tornare sulle proprie orme

ua ragazza che cammina in un paradiso naturale in Mexico a Mulegé in bassa California



È esattamente qui!! Nell’oasi di Mulegé in Bassa California.

A 100 metri da questa foto che 4 anni fa mi fermai a bere una birra sulla spiaggia e conobbi tre ciclisti. Uno di questi festeggiava i primi 10.000 km di Viaggio. Io festeggiavo i primi 15.000 chilometri meno sportivi e motorizzati. Ricordo ancora quella sensazione di aver iniziato una nuova vita… ma che ancora chiamavo “esperimento” per lasciarmi aperta una via di fuga, una possibilità di ritirata in caso di fallimento e poter archiviare tutto come un avventuroso colpo di testa.

E allora perché chiamavo il mio Blog Longwalk.. ? il lungo cammino? una parte di me anelava al moto perpetuo, al lungo raggio, al divenire lento. Quella parte aveva ragione, il cammino era lungo, ma io non lo sapevo ancora. Torniamo all’incontro con i ciclisti.

Ci siamo fatti delle grandi chiacchierate seduti al tavolino di un baretto, protetti da pareti di bambù, con quelle emozioni che sopraggiungono la sera, con il meritato riposo di una giornata fatta a guidare o pedalare per guadagnarsi una meta. Ci siamo battezzati “cani sciolti” e abbiamo brindato a noi e al nostro viaggio. Cani sciolti dal sole ottombrino perché scotta forte quando tocchi il tropico ma anche  sciolti da un quotidiano che cercavamo di spingere dietro di noi, per diventare automaticamente più esperti e scafati, più navigati e con più “anzianità” di servizio… invece eravamo solo all’inizio e quella era la magia!!

Ora sono qui con Olga, “a ripassare il passato” solcando la medesima geografia 4 anni dopo. Sulle orme di quel fantasma che girava qui con la sua moto quattro anni prima insieme a quei ciclisti che chissà dove saranno.

Mi siedo sui ciotoli di pietra dove quel tavolino ancora rimane protetto dal bambù.

Brindiamo a noi e poi andiamo a camminare verso il il promontorio che sale sempre più in alto. Immortalo Olga con il sole che tramonta alle spalle mentre il suo vestito si agita nella brezza serale dove i gabbiani planano.

Parliamo del futuro, di come e se staremo insieme, di come sopravviveremo e festeggiamo che il “longwalk” era veramente lungo e sta durando da anni.

Articoli Simili

By | 2016-12-17T15:45:07+00:00 settembre 28th, 2012|Fotografia, Generale, Viaggio|

Lascia un Commento e Genera Sapere!

Tornare sulle proprie orme

OR
SALI A BORDO! - la newsletter

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi